IL NOSTRO TERRITORIO

Benvenuti nel Cuore del Parco del Delta del Po patrimonio dell'UNESCO

NATURA

Oasi naturalistiche

STORIA

Un tuffo nel passato

ITINERARI

Trekking, bici, nave

PORTO GARIBALDI

Porto Garibaldi (Magnavacca il suo nome originario) fa parte del comune di Comacchio nella provincia di Ferrara e si trova sul litorale nord del Mare Adriatico, le cui acque sono Bandiera Blu per la loro alta qualità. Porto Garibaldi si trova nel cuore del Parco del Delta del Po, entrato a far parte per il suo valore naturalistico del Patrimonio dell'UNESCO nel 2016. È un importante porto di pesca e porto turistico, oltre che rinomato centro balneare. Il paese di Porto Garibaldi è nato sul lato nord del porto canale, ed è l'insediamento più antico dei 7 Sette Lidi di Comacchio (Ferraresi). Il suo nome originario era Porto di Magnavacca, poi il paese fu intitolato a Giuseppe Garibaldi per ricordare lo sbarco dell'eroe del Risorgimento in zona nel 1849.

COMACCHIO

Comacchio ha origine circa duemila anni fa ed è uno dei più importanti e rappresentativi centri del Parco del Delta del Po e dell'intera Provincia di Ferrara. La sua fondazione viene attribuita agli Etruschi, che erano già presenti nel Delta del Po ed infatti vicino a Comacchio si trovava la città etrusca di Spina. Comacchio venne edificato su un'area originata dall'unione di tredici piccole isole ed ha perciò incentrato da sempre la propria vita ed il proprio sviluppo sull'elemento Acqua. Comacchio ha mantenuto inalterate nel tempo le proprie caratteristiche architettoniche ed è per questo da sempre un'apprezzatissima meta turistica per la presenza di canali, palazzi antichi e ponti monumentali (il più famoso dei quali è quello di Trepponti) che le conferiscono l'aspetto tipico della città lagunare, è infatti noto anche con il nome di Piccola Venezia. A Comacchio si trova anche lo splendido Museo Delta Antico, allestito all'Ospedale degli infermi, che espone oltre a molti altri reperti, il carico della nave romana Fortuna Maris. Il relitto della nave era stato ritrovato nel 1981 nei pressi di Comacchio. In esso sono state rinvenute anfore, bicchieri, coppe e balsamari oltre ad attrezzi per la manutenzione della nave e per il commercio e oggetti per la preparazione del cibo a bordo. Recentemente è stato aperto il museo della Manifattura dei Marinati, che mostra il ciclo di lavorazione di anguille e acquadelle. L'anguilla marinata tradizionale delle Valli di Comacchio è presidio SlowFood.

LE VALLI DI COMACCHIO

Le Valli di Comacchio sono una vasta zona umida che da sempre caratterizza Comacchio e i suoi 7 Sette Lidi per il proprio valore naturalistico; sono situate in Emilia Romagna, tra le province di Ravenna e Ferrara, a sud del Delta del Po. Sono un'Oasi Naturalistica, con un patrimonio talmente ricco e vario, da essere entrate a far parte nel 2016, assieme all'intero Parco del Delta del Po, del patrimonio dell'UNESCO. Costituiscono una delle zone umide più estese in Italia e perciò sono classificate come sito di interesse comunitario e zona di protezione speciale all'interno del Parco Regionale del Delta del Po. Le Valli di Comacchio sono il sogno di ogni amante della natura e degli animali, un paradiso di relax, il regno incontrastato del birdwatching, i vostri occhi e le vostre menti vi ringrazieranno.

ABBAZIA DI POMPOSA

L'Abbazia di Pomposa risale al IX secolo ed è una delle più importanti di tutto il Nord Italia e trova origine sull'Insula Pomposiana, conosciuta già nell'antichità, un tempo circondata dalle acque del Po. Si hanno notizie di un'abbazia benedettina, di dimensioni inferiori a quella attuale, a partire dal IX secolo, ma l'insediamento della prima comunità monastica nell'Insula Pomposiana risale al VI-VII secolo. Il primo documento storico che attesti l'esistenza dell'abbazia è comunque del IX secolo e l'abbazia che noi oggi ammiriamo venne consacrata nel 1026 (quindi edificata prima) dall'abate Guido. Il campanile, altissimo rispetto al resto dell'edificato (48 metri), è del 1063 in forme Romanico-Lombarde e, grazie ad una lastra iscritta, conosciamo il nome dell'architetto che lo progettò e ne diresse i lavori di costruzione: Deusdedit. Dell'antico Monastero restano la sala capitolare ornata di affreschi degli inizi del XIV secolo di un diretto scolaro di Giotto e il refettorio che ha sulla parete di fondo il più prezioso ciclo di affreschi dell'abbazia. Di notevole interesse storico è anche il palazzo della Ragione, luogo dove gli abati di Pomposa amministravano la giustizia.

BICI E TREKKING

Il territorio che ci circonda è unico ed emozionante, in cui vie di terra e vie d'acqua si incontrano e si inseguono in un paesaggio che si perde a vista d'occhio. Porto Garibaldi è collegato a tutto il territorio naturalistico circostante da vie pedonali e ciclabili, tramite cui è possibile immergersi completamente in un patrimonio naturalistico unico, tra il mare, le spiagge e le antiche pinete dove i daini vivono liberi e dove è possibile respirare i profumi unici della vegetazione.

GITE IN BARCA

Da Porto Garibaldi è possibile imbarcarsi su una delle splendide motonavi per trascorrere una piacevole giornata tra mare e natura. Per vivere la vacanza da un altro punto di vista, per vivere il mare davvero, una giornata in barca tra i Lidi Ferraresi e il Delta del Po, tra le province di Ferrara e di Rovigo, una serie di escursioni che vi faranno visitare l'Isola dell'Amore ed il suo caratteristico faro e vi guideranno alla scoperta della foce del più imponente fiume italiano: il Po. Da Porto Garibaldi, per gli amanti della pesca, è possibile imbarcarsi anche per trascorrere una stupenda giornata in alto mare a pescare i tonni e gli sgombri del Mare Adriatico.